Emidio Clementi

Emidio Clementi Emidio Clementi detto Mimì (San Benedetto del Tronto, 1967) è un cantante, musicista e scrittore italiano.

Si trasferisce a Bologna dove, sul finire degli anni 1980, fonda i Massimo Volume, originale gruppo rock nel quale scrive i testi delle canzoni, suona il basso elettrico e canta. Oltre a Clementi fanno parte del gruppo Umberto Palazzo alla chitarra e voce (sostituito in seguito da Egle Sommacal), Vittoria Burattini alla batteria e Gabriele Ceci alla chitarra (sostituito in seguito, per un breve periodo, da Metello Orsini). Con i Massimo Volume incide quattro album: Stanze (Underground Records, 1993), Lungo i bordi (WEA, 1995), Da qui (Mescal, 1997) e Club Privé, (1999) e una colonna sonora: quella del film Almost Blue di Alex Infascelli.

Nel gennaio del 2002 i Massimo Volume si sciolgono e successivamente Clementi, insieme a Massimo Carozzi e Dario Parisini partecipa al progetto musicale El ~ Muniria. Nel 2004 pubblicano il loro primo, e finora unico, album dal titolo Stanza 218 (Homesleep).

A partire dal 1997 Clementi parallelamente all'attività di musicista affianca quella di scrittore, pubblicando vari romanzi.

Inoltre i suoi lavori editoriali si sono spesso evoluti in veri e propri reading portati in giro per tutta l'Italia.

Nel 2007 duetta con Tibe nel reading de "Il punto sulla vita" all'interno del disco "Hotel".

Nel 2008 riunisce i Massimo Volume per una tourneè, in attesa di un nuovo disco di cui è stata ventilata l'ipotesi.

Opere

* Emidio Clementi. Gara di resistenza. Roma, Gamberetti, 1997.
* Emidio Clementi. Il tempo di prima. Roma, DeriveApprodi, 2000.
* Emidio Clementi. La notte del Pratello. Roma, Fazi, 2001.
* Emidio Clementi. L'ultimo dio. Roma, Fazi, 2004.
* Emidio Clementi. La principessa del parco, in (Chiara Bellitti, Pierfrancesco Pacoda) Dodici passi. Roma, Cairo editore, 2006. pp. 81-92.
* Emidio Clementi. In Tarca, in (Stefania Scateni) Periferie. Viaggio ai margini delle città. Bari, Laterza, 2006.
* Emidio Clementi. Matilde e i suoi tre padri. Rizzoli, 2009.


comments powered by Disqus